07/04/2020 - Tanti auguri papà per i tuoi primi 90 anni!

Un tempo strano questo, io sto bene, tutti i miei familiari, le persone che mi sono care stanno bene, ma la prova dolorosa che l'Umanità sta vivendo in questi giorni, di dolore, paura e morte, sta sicuramente ovattando tante percezioni, tante emozioni.
Oggi però, nonostante tutto, nonostante la distanza e l’impossibilità di vivere a pieno i contatti, nulla riesce ad ovattare a diluire la gioia che provo, che tutta la mia Famiglia prova per i primi 90 anni di Ermanno Ciarla, per tutti “Mammarazzo”. Marito/Santo di Maria, altrettanto Santa, Padre del sottoscritto, prima ancora della mia sorellona Ada e poi del mio fratellino Fabio, Nonno (in ordine di apparizione) di Petra, Olivia, Rocco ed Ascanio.
Ora dovrei scrivere un sacco di cose belle, tutte vere, ma che rischierebbero di sembrare (almeno a me) eccessive e, banalmente, celebrative. Io invece vorrei celebrare solo una festa…che l’Uomo non ne ha certo bisogno. Due cose, però, mi scappano dal cuore…spero di avere almeno un po' della delicata sensibilità di mio Padre, sempre discreta, quasi nascosta, come è la vera sensibilità. Eppoi…mi piacerebbe riuscire a fare con i miei figli, quello che lui ha fatto con noi, insegnandoci, meglio dire trasmettendoci, le cose importanti della vita, i Valori fondamentali, senza tante parole, con l’esempio.
Ma basta smancerie, che non mi riescono…
Da anni, provandolo sulla mia pelle, mi son reso conto che ERMANNO è la dimostrazione che il DNA esiste, e che al DNA (come sostengo da tempo) non si sfugge. Lui è nato in mezzo alle vigne, e tra vigne, uva e vino, con immensa passione, ha sempre vissuto. Io son nato in mezzo a vigne, uva, vino e, tutto avrei voluto (o pensato di) fare tranne che…
…ma al DNA non puoi sfuggire, non puoi dire di no.
Grazie anche di questo Papà.